Accesso Utenti

I Nostri Sponsor

Hosting by

Sabato, 21 Maggio 2016 09:41

Perché i trailer sono tutti uguali?

Scritto da
Vota questo articolo
(0 Voti)

Sappiamo tutti cosa sono i trailer (o “presentazioni”, che dir si voglia).
Chi bazzica i cinema, in particolare chi come me cerca sempre di arrivare in sala molto prima dell’inizio dello spettacolo solo per vederli sul grande schermo, chi preferisce gustarseli a casa sullo schermo del proprio PC, chi li guarda invece sul proprio smartphone ed anche chi li vede accidentalmente in TV, si sarà sicuramente accorto di una cosa: i trailer, in qualche modo, si assomigliano tutti, soprattutto se dello stesso genere di film!

Qui non parliamo dei film in se (anche se alcuni sono praticamente scritti, prodotti e diretti con il “copia-incolla), ma di come vengono realizzati, montati e mixati quei video che dovrebbero indurci ad andare al cinema a sborsare diversi soldini per gustarci una pellicola in santa pace (sempre che quello davanti o di lato a noi non senta l’ossessivo impulso di controllare ogni cinque secondi Facebook…).

Ad ogni modo, queste presentazioni sono probabilmente frutto di studi statistici e pseudo scientifici fatti per capire cosa piace al pubblico e cosa lo attira in modo particolare (lo devo ammettere, il trailer di “Suicide Squad” con Bohemina Rapsody dei Queen mi ha fatto venire taaaanta voglia di andare a vedere questo film!).

Potevano i bravissimi video maker di cracked.com non realizzare un video su quest’argomento?

Ovviamente la risposta è NO!

Ecco quanto dice in video a proposito dei trailer (per quelli che non masticano molto l’inglese):

  • I titoli dei blockbusters sono composti da gigantesche lettere 3d volanti
    • Inoltre il titolo potrebbe schiacciarti a morte
  • Per i film profondi sulla scoperta di sé stessi usano chitarre acustiche
    • Senza una colonna sonora indie, i bianchi non imparano un ca…volo
  • Le storie tragiche hanno bisogno di improvvisi momenti di musica classica
    • Segue vaga citazione ispirante
  • Woody Allen annuncia se stesso con un eccentrico momento musicale
  • I titoli dei film drammatici non Americani compaiono come semplice testo su sfondo nero
  • I trailer dei film d’azione iniziano con un inquietante tonfo in sottofondo
  • I film d’azione più bizzarri attirano il pubblico con una vecchia e nostalgica canzone
    • E poi ci sono i trailer di “Suicide Squad” che prendono in prestito l’intera colonna sonora di “Fusi di testa”
  • Le cover rallentate di famose canzoni comunicano una cupa intensità
    • Ma basta anche solo rallentare le canzoni originali, ovviamente
  • Vengono riempiti gli spazi vuoti con il suono di un trasformatore che perde potenza
  • Non hai idea di come finire il trailer? Fai uscire all’improvviso la data di uscita
    • È più facile memorizzare una data quando vederla ti ha fatto prendere uno spavento

 

A proposito di trailer, negli scorsi anni abbiamo realizzato anche noi i trailer di un paio di nostri spettacoli!

Che ne pensate? Fatecelo sapere nei commenti!

Fabio Casà

Appassionato di cinema, teatro, fumetti e arte in generale, attore, regista e autore teatrale, sono una persona a cui piace guardare il mondo con occhi nuovi e con pochi preconcetti!

 

www.compagniamalaparte.com/item/22-fabio-casa

Articoli correlati (da tag)

Devi effettuare il login per inviare commenti